App Comune Romano 2.0

MUSEO MEMORIA DELLA COMUNITA’

Apertura:

Giovedì: 10.00 – 12.00

Sabato: 10.00 – 12.00

Domenica: 10.00 – 12.00

Ingresso: gratuito

Informazioni visite:
sono possibili visite in altri orari previa prenotazione al n. 0363912186

CENNI STORICI

Nel 1946 iniziò, da parte della sezione di Romano di Lombardia dell’Associazione Combattenti e Reduci, ed in particolare del suo segretario Pietro Garavelli, la raccolta di cimeli militari delle varie guerre e delle fotografie dei caduti romanesi. Lo scopo era quello di onorare degnamente i concittadini caduti in battaglia. Negli anni la collezione si arricchì, tanto da permettere l’apertura di un piccolo Museo Sacrario nel 1965. Continuando le donazioni, la raccolta necessitò di maggiori spazi; nel 1991 fu quindi trasferita in alcuni locali situati al primo piano della Rocca Viscontea e prese il nome di “Museo della Memoria della Comunità”. La Rocca è un imponente castello duecentesco, più volte rimaneggiato. Le migliorie e le modifiche apportate nei secolo hanno prodotto una sovrapposizione di elementi architettonici di epoche e stili diversi, a cui comunque il tempo ha ridato unitarietà. La roccaforte è a pianta pressoché quadrata, con quattro alte torri agli angoli e mura merlate. Vi si accede tramite un portale protetto da un avancorpo a torre, che era munito di un ponte levatoio, ora sostituito da un ponte in muratura. All’interno vi sono due cortili denominati “Corte grande” e “Corte della cancelleria veneta”. Interessanti la sala di rappresentanza (“Sala grande”) e la cappella (“Chiesiola”).

CRITERI ESPOSITIVI – ITINERARIO DI VISITA

Il museo è ancora parzialmente in allestimento. In tre sale comunicanti è custodita una grande quantità di materiale raccolto negli anni che viene continuamente incrementato, perché le donazioni proseguono. Una quarta sala ospita la sede dell’Associazione Combattenti e Reduci. Sono esposti soprattutto reperti militari, tra i quali: una croce ricavata da un bossolo, divise di vari corpi, armi, bombe, elmetti, cimeli di prigionia, epistolari, documenti, targhe, fotografie, i documenti personali e militari del gentile. Perrucchetti fondatore del corpo degli Alpini, una cassettina del pronto soccorso della guerra 1915-18 completa di ogni accessorio, una serie di fotografie tridimensionali della prima guerra mondiale.